Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Ott 14, 2013 in Esoterismo e conoscenza di sè, Informazione, Misteri, Natura, Scienza di Frontiera

Levitazione acustica:
quando il potere del suono vince la gravità
(e a dimostrarlo è la scienza!)

 

 

Levitazione acusticadi Caterina Lenti

 

Fu Henry Kjellson, un ingegnere svedese costruttore d’aeroplani, a raccontare nel libro “The lost techniques”, la strabiliante esperienza del Dr Jale, il suo amico svedese che, avendo il privilegio di soggiornare in un lamastero tibetano, riuscì a documentare e filmare come i monaci riuscissero a sollevare massi pesantissimi e a spostarli a 250 metri d’altezza, utilizzando unicamente la levitazione acustica. Vide con i suoi occhi un fenomeno che per le leggi fisiche del tempo non poteva esistere: col solo suono di tamburi e trombe, i monaci riuscivano a sollevare grosse pietre di pesi differenti dal suolo che, arrivate a 250 metri più in alto, con l’aiuto di alcuni yachs, venivano poi ricevute e sistemate da altri monaci. Evidentemente essi hanno sfruttato un’enorme fonte di energia sconosciuta, ma la scienza ufficiale tolse di mezzo i filmati che furono ufficialmente confiscati e secretati dalla società inglese per cui l’uomo lavorava e ancora oggi sembrano essersi volatilizzati.

Ma i tibetani non furono gli unici a conoscere anticamente la levitazione acustica: secondo alcune leggende arabe giunte sino a noi, gli antici Egizi facevano volare pietre spostandole con la sola forza del pensiero e con il suono, lasciando così intendere che avrebbero potuto usare questo sistema per la costruzione di piramidi. D’altra parte, i sacerdoti egizi erano depositari delle “Parole del Potere”, insegnate dal dio Thot: se le parole venivano pronunciate correttamente, producevano un modello tridimensionale in risonanza con l’Etere, generando l’effetto desiderato o un’ energia. Forse la più interessante testimonianza della levitazione è ancora oggi presente nel villaggio indiano di Shivapur: nel cortile collocato all’esterno della moschea dedicata al Santo Sufi Qamar Alì Dervish c’è una pietra cilindrica di oltre 60 kg ed ogni giorno, durante la preghiera, 11 fedeli la circondano mettendosi a ripetere il nome del Santo, fino a raggiungere una certa intensità acustica: a quel punto gli 11 uomini sollevano la pietra, utilizzando un solo dito ciascuno e, terminata la litania, fanno un rapido balzo all’indietro, per evitare di restar schiacciati dalla caduta a peso morto di essa.

Come non citare Walter Russel, che nel trentunesimo capitolo del libro “A new conceptof the Universe” spiega che l’Universo consiste interamente di onde in movimento e che qualunque teoria che non sia in grado di trovare un appropriato posto all’interno dell’onda, a causa di ciò non ha nessun’ altra collocazione all’interno della Natura. Parole sicure, dure, ma possono resistere indenni ad un esame? Dal lavoro di John Keeky siamo portati a credere sia davvero così. Keely trascorse tutta la sua vita a studiare la forza cosmica misteriosa liberata dai suoi apparecchi, convinto che le vibrazioni del Cosmo producessero una forma di musica le cui ottave, opportunamente accordate, potessero liberare un’energia inesauribile. Nell’Universo, dagli atomi alle galassie, tutto si trova in uno stato particolare di vibrazione. Anche ogni singola parte del nostro corpo ha una vibrazione che deve essere armoniosa per mantenerlo in salute; e le malattie si instaurano se viene alterata la frequenza vibratoria, naturalmente perfetta, di organi, tessuti e cellule che compongono il nostro corpo.

In questo sistema perfetto, i suoni hanno un ruolo fondamentale nel corpo umano e in tutto il Cosmo: se una vibrazione può far ammalare o guarire, ma anche rompere un vetro, probabilmente può anche sollevare un peso. I suoi arcani meccanismi, dotati di sfere metalliche composte da oro, argento e platino, corni in ottone, canne d’organo e fili, furono fatti funzionare sotto lo sguardo attonito di numerosi spettatori e studiati senza successo dai suoi contemporanei, che volevano ad ogni costo smascherare la frode dello scienziato. L’enigma sotteso a secolari ricerche pare essersi quasi risolto. Sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, è stato descritto un nuovo metodo di levitazione acustica in movimento, sviluppato da un team di ricercatori del Politecnico di Zurigo, capeggiato dall’italiano Daniele Foresti. Come egli stesso spiega, la levitazione acustica, ossia l’utilizzo di onde sonore per mantenere in aria piccoli oggetti, esisteva già da diversi decenni, ma si trattava di una levitazione statica, in cui gli oggetti vengono mantenuti in equilibro in un certo punto. Per farlo si sfrutta la pressione esercitata dalle onde acustiche e, variandone opportunamente l’intensità e la frequenza, in questo caso infrasuoni, è possibile far ‘galleggiare’ qualsiasi tipo di piccoli oggetti, anche liquidi.

Il ventinovenne ricercatore italiano, invece, nell’ambito del conseguimento del dottorato in Svizzera, ha avuto la sensazionale idea di utilizzare tanti levitatori, disponendoli uno accanto all’altro, per capire come far passare la ‘palla’ da uno all’altro e guidare così il movimento di un oggetto. Proprio come in una chitarra, dove la forma fa praticamente tutto, poiché mantiene il controllo delle onde e la risonanza, il segreto del primo levitatore al mondo in grado di manipolare e muovere più oggetti contemporaneamente sta tutto nella sua geometria. In cosa consiste nel dettaglio il suo metodo di levitazione acustica? Sfruttando le proprietà del suono, è possibile manipolare piccole quantità di oggetti solidi o muovere piccole quantità di liquidi, senza alcun tipo di contatto con altri strumenti, quindi evitando interazioni o contaminazioni.

Forza di gravità e tocco provocano deformazioni nei materiali che, seppur minime, possono compromettere la perfetta reazione chimica tra due liquidi o altri tipi di sostanze. Lo strumento, messo a punto nei laboratori svizzeri, permette di muovere oggetti con una sezione fino a 7 millimetri, senza limiti di lunghezza ed è utilizzabile su qualsiasi tipo di materiale. Il levitatore può muovere gocce di leghe metalliche fuse, che possono essere mescolate insieme per formare nuovi materiali oppure per l’incapsulamento del solido-liquido. Alcuni esperimenti sono stati anche di tipo biologico, dimostrando i vantaggi della levitazione anche per la trasfezione del Dna, ossia inserendo parti di Dna all’interno delle cellule ed evitando alcune delle problematiche che insorgono con le tecniche tradizionali, con potenziali applicazioni in campo chimico e farmaceutico. Scienza, fisica, musica e medicina sono pertanto termini inscindibili e costantementi interconnessi.

 

Fonte: Link

 

 

 

Banner Hydro Filter

banner-728x203-ott-x-il-web

CIBO CRUDO

 Rimani in contatto con Noi!

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter-250x242 - con angoli arrotondati

Utilizzando questo box ti iscriverai alle liste:

  • News articoli pubblicati: per ricevere nella tua casella di posta tutti gli articoli pubblicati su www.alberoalchemico.com
  • Eventi e Promozioni: per rimanere informati sugli eventi e sulle promozioni di Albero Alchemico A.S.D.

Per iscriverti solo ad una di queste liste, puoi utilizzare il box presente nella barra laterale destra della home page.

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed

Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando sul link alla fine di questo messaggio. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Information
This website or third-party tools used in this make use of cookies required to operate and useful for the purposes described in the cookie policy. If you want to learn more or opt out of all or some cookies, see the cookie policy by clicking the link at the end of this message. By closing this banner, scrolling this page, clicking on a link or continuing navigation in any other way, you consent to the use of cookies.

Info
Login Website oder Tools von Drittanbietern in diesem verwenden Cookies erforderlich zu bedienen und nützlich für die in der Cookie-Politik beschriebenen Zwecke verwendet. Wenn Sie mehr erfahren oder sich von allen oder einigen Cookies möchten, finden Sie in der Cookie-Politik, indem Sie auf den Link am Ende dieser Nachricht. Durch Schließen dieses Banner, Scroll-Seite, Klick auf einen Link oder Weiterbildung Navigation auf andere Weise, die Sie die Verwendung von Cookies einverstanden.

Informations
Ce site ou outils tiers utilisés dans cette utilisation de marque de biscuits nécessaires à l'exploitation et utiles aux fins décrites dans la politique de cookie. Si vous voulez en savoir plus ou retirer de tout ou partie des cookies, consultez la politique des cookies en cliquant sur le lien à la fin de ce message. En fermant cette bannière, le défilement cette page, en cliquant sur un lien ou de continuer la navigation de toute autre manière, vous consentez à l'utilisation de cookies.

Información
Este sitio web, o herramientas de terceros utilizado en este hacer uso de las cookies necesarias para operar y útiles para los fines descritos en la política de cookies. Si desea obtener más información o optar por todas o algunas galletas, consulte la política de cookies haciendo clic en el enlace al final de este mensaje. Al cerrar esta bandera, el desplazamiento de esta página, haga clic en un enlace o continuar la navegación de cualquier otra manera, usted autoriza la utilización de cookies.

Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi